Prova combinata Sonreb

Sonreb : metodo non distruttivo

La prova combinata SONREB (da SONic REBound: ultrasuoni + sclerometro) è un metodo di indagine non distruttivo (PND) sul calcestruzzo indurito.
Questo metodo consente di determinare la resistenza Rc di un calcestruzzo in opera correlandolo con la velocità ultrasonica V, ottenuta con prove ultrasoniche e con l’indice di rimbalzo S ottenuto con prove sclerometriche.
Le prove devono essere effettuate nelle stesse zone di indagine.

Due metodi combinati

Il metodo combinato Sonreb consente di superare gli errori che si ottengono utilizzando separatamente il metodo sclerometrico, che è un metodo di indagine superficiale, e il metodo ultrasonico, che invece è un metodo di indagine volumetrico.

Infatti questi metodi sono influenzati da diversi fattori quali ad esempio:

  • l’età del calcestruzzo e il suo contenuto di umidità: a parità di resistenza Rc poiché all’aumentare del primo: V aumenta e S diminuisce e all’aumetare del secondo: V diminuisce e S aumenta, pertanto nel metodo SONREB le imprecisioni dei due metodi si compensano;
  • la composizione del calcestruzzo che influenza il metodo ultrasonico;
  • la diversa consistenza tra calcestruzzo corticale e quello interno che invece influenza il metodo sclerometrico.

Analisi delle caratteristiche del Calcestruzzo

La norma europea che disciplina la determinazione della velocità di propagazione degli impulsi delle onde longitudinali ultrasoniche in campioni o strutture di calcestruzzo fra una o più coppie di punti di rilievo è la UNI EN 12504-4 (gennaio 2005). La presente norma europea è basata sulla ISO/DIS 8047 “Concrete hardened – Determination of ultrasonic pulse velocity”. Scopo dei rilievi è di dedurre essenzialmente la “velocità virtuale o apparente” di propagazione degli impulsi1, e da essa trarre informazioni sul calcestruzzo in termini di caratteristiche ed omogeneità.

Con la metodologia descritta si può indagare:

  • ‰sull’uniformità del calcestruzzo;
  • ‰sulla presenza di fessure o vuoti;
  • ‰su difetti di getto;
  • ‰su variazioni delle proprietà nel tempo causate dalla storia dell’elemento (manutenzione sollecitazioni, degrado, ecc.);
  • sul modulo di elasticità dinamico;

per stimare la resistenza del calcestruzzo in sito (si consiglia in combinazione con altre determinazioni). Tuttavia non è considerata come un’alternativa alla misurazione diretta della resistenza a compressione del calcestruzzo.

Applicazioni del metodo Sonreb

La metodologia può essere applicata:

  • ‰nella ricerca di laboratorio;
  • ‰nella prefabbricazione di elementi strutturali di calcestruzzo;
  • ‰nelle strutture in corso d’opera;
  • ‰nelle strutture già esistenti.

Il metodo in esame, in relazione alle modalità di propagazione di impulsi vibrazionali, si basa sul fatto che:

  • la velocità con cui tali impulsi si propagano in un mezzo è funzione delle caratteristiche elastiche del mezzo (modulo di elasticità) e della sua densità;
  • le disomogeneità (per esempio fessure, zone degradate, cavità, ecc.) possono essere indagate analizzando i processi di: variazione della velocità di propagazione;
  • assorbimento parziale, riflessione e rifrazione dell’onda di vibrazione;attenuazione, secondo determinate direzioni, dell’onda di vibrazione.

 

VUOI MAGGIORI INFORMAZIONI SULLA PROVA SONREB?

CHIEDI MAGGIORI INFORMAZIONI >

 

Come si effettua la prova Sonreb

Procedura

Mediante formule matematiche sperimentali è possibile mettere in correlazione la resistenza del materiale con l’indice di rimbalzo S ottenuto dalla prova sclerometrica e la velocità di propagazione V delle onde ultrasoniche.

In letteratura esistono diverse formule sperimentali per l’applicazione del metodo SONREB quali:

survey_sonreb_metodo